Amici dei Boschi Chi siamoIl bosco grandea scuola nel boscoDidattica e formazioneTempo libero

Didattica e formazione > Formazione > Iniziative realizzate

La cultura del territorio

Percorsi di educazione e conoscenza del paesaggio

Seminario di formazione per operatori di educazione ambientale e insegnanti della scuola dell'infanzia e primaria. Con il contributo della Provincia di Pavia Settore Cultura.

Guarda la presentazione dell'intervento di Micaela Coralli
"Esperienza di immersione nel paesaggio pavese - A scuola nel bosco"

per saperne di più                                                                      torna su


 

SUSTAINABILITY

Siamo tutti responsabili

Sabato 9 novembre, ore 15.30
Aula Magna dell'Università, Piazza Leonardo da Vinci

Nell'ambito del "Festival dei diritti", promosso dal Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Pavia, l'Associazione Amici dei Boschi proporrà una conferenza/spettacolo sul tema della sostenibilità ambientale e dell’educazione, in collaborazione con le associazioni Energetica e Artemista.

Un evento per riflettere, scambiare opinioni, divertirsi, immaginare, simulare un futuro dove i valori della gratuità, del benessere autentico e della responsabilità individuale e collettiva siano al centro.

per saperne di più                                                                      torna su


 

L'arte di essere genitore controcorrente

Giornata innovativa dedicata alle famiglie in collaborazione con l'Associazione Centro Bambigioi

Presentazione animata del libro "Guida pratica completa ai pannolini lavabili e all'arte dell'igiene naturale" di J. Jimmink a cura del Teatro di Mutuo Soccorso,
comunicazioni di esperti, presentazioni di attività e laboratori.

galleria di immagini dell'evento

per saperne di più                                                                      torna su


 

Un bosco da mangiare

Ovvero come si progetta un frutteto secondo i principi della permacultura

 

L’Associazione Amici dei Boschi con la collaborazione del CSV della Provincia di Pavia, del CREA del Comune di Pavia, del Comune di Pavia – Assessorato Sviluppo Sostenibile-Ambiente, del Circolo di Legambiente “Il Barcè” di Pavia, della Fondazione Banca del Monte di Lombardia, ha organizzato presso il Bosco Grande di Pavia un corso di permacultura orientato alla progettazione concreta e partecipata di un frutteto sostenibile, con l’aiuto di Richard Wade, uno dei massimi esperti in materia a livello mondiale.

Cosa vuol dire permacultura?

La scelta di procedere secondo la filosofia e le tecniche della permacultura, anziché avvalersi dell’agricoltura convenzionale, è nata dall’esigenza di integrare il più possibile il frutteto con l’ambiente naturale circostante.
Bill Mollison, ideatore della PERMACULTURA, definisce questo termine come la contrazione non solo di PERMANENT AGRICULTURE, ma anche di PERMANENT CULTURE, dal momento che una cultura non può sopravvivere a lungo senza una base agricola sostenibile e un’etica dell’uso della terra. Lo scopo della permacultura è quello di creare sistemi ecologicamente ben strutturati ed economicamente sostenibili, in grado di produrre, evitando ogni forma di sfruttamento e inquinamento. La permacultura si basa sull’osservazione dei sistemi naturali e utilizza sia la saggezza dei metodi di coltivazione naturali, sia le moderne conoscenze scientifiche e tecnologiche.

Obiettivi

Gli obiettivi che hanno condotto allo specifico progetto e che guideranno la manutenzione del frutteto sono i seguenti:
• avere uno spazio didattico utile per condurre programmi e attività sulla conoscenza dei cicli degli alimenti;
• mostrare e salvaguardare la varietà dei prodotti ortofrutticoli, in un contesto in cui si privilegia la produzione intensiva e standardizzata;
• rendere più accogliente ed esteticamente gradevole il terreno che si incontra per primo entrando al Bosco Grande. A tale scopo sono state scelte varietà di alberi che producano frutta e fiori durante i mesi in cui la struttura è aperta al pubblico;
• creare un piccolo ecosistema ricco di bacche, frutti e fiori utili non solo per l’alimentazione umana, ma anche per attirare e foraggiare gli animali selvatici che vivono nel bosco;
• creare una fascia di ecotono ricca di biodiversità vegetale e animale, fra il bosco e gli spazi edificati e più frequentati.

Sviluppi futuri

Il progetto non si è concluso con la piantumazione degli alberelli, ma prosegue con i seguenti interventi:
• pacciamatura prevista per l’inizio della primavera e contenimento dei rovi e delle ruderali che potrebbero soffocare le piante da frutto;
• innesto di alcune varietà antiche di mele e pere sui portainnesti presenti attualmente, prevista all’inizio di marzo 2008;
• semina di alcuni ortaggi nella zona adibita ad orto, sempre nel corso della primavera 2008;
• messa a dimora di alcuni arbusti come ribes, lamponi e more nello strato sottostante agli alberi da frutto prevista per fine 2008/inizio 2009.

torna su

 

Dalle piante ai cesti

Corso di cesteria introduttivo e di approfondimento

 boschiva

 

per saperne di più                                                                      torna su


 

Viaggio in Giappone

Percorsi di arte e cultura giapponese tra origami e ceramica raku

 

 boschiva

 

per saperne di più                                                                      torna su


 

Cottura preistorica

Corso di ceramica con Giorgio Azzaretti

 

 boschiva

 

per saperne di più                                                                      torna su


 

VIVILATERRA

Strumenti di formazione per la custodia del territorio

 

 landlife

scarica il programma in pdf e la scheda di adesione

torna su

Associazione Amici dei Boschi Onlus - e-mail: info@amicideiboschi.it - Telefono: 0382 303793 -
Come raggiungerci